In ottemperanza alla direttiva UE sulla riservatezza, ti informo che questo sito usa i cookie per gestire autenticazione e navigazione e per altre funzioni di sistema. Cliccando su Acconsento accetti la registrazione di questi cookie nel tuo computer. Se non accetti, alcune funzioni del sito saranno inibite - A cosa servono i cookies? Clicca per scoprirlo

Hai deciso di non utilizzare i cookies. Questa decisione puo' essere cambiata

Hai accettato di salvare i cookie sul tuo pc. Questa decisione puo' essere revocata

Qual è la situazione delle biblioteche in Italia?

 

bibliotecaap
Se ne parlerà a Più Libri Più Liberi. Il 9 dicembre sarà presentata l’indagine Istat e negli incontri professionali si affronterà anche il tema ebook, audiolibri e professioni editoriali.







 

Della situazione delle biblioteche si parlerà a Più Libri Più Liberi, la Fiera Nazionale della Piccola e Media Editori che si terrà a Roma dal 6 al 10 dicembre.  Il 9 dicembre sarà presentata l’indagine Istat e negli incontri professionali si affronterà anche il tema ebook, audiolibri e professioni editoriali.

0,63 euro per cittadino per l’acquisto di nuovi libri nelle biblioteche pubbliche in Italia e 0,68 euro per quelle scolastiche: le biblioteche sono nei Paesi moderni uno degli elementi fondamentali per la diffusione del libro e della lettura. Nei fatti, però, nel nostro Paese la situazione è lontanissima dai 760milioni di sterline di investimento per quelle pubbliche inglesi. E biblioteche senza risorse per rinnovare il proprio patrimonio rappresentano una delle motivazioni dei bassi indici di frequentazione: il 24% in Italia (ma una indagine AIE colloca questa percentuale al 12%),-plpl17 nuvola contro il 74% di Svezia, 47% del Regno Unito, 45% di Olanda, 33% di Francia e Spagna (Fonte: European Commission, «Special Eurobarometer» 399, Cultural Access and Partecipation Report, 2013). Oltre a rappresentare un bacino di mercato (sono oltre 6mila le biblioteche pubbliche in Italia) in larga parte precluso all’accesso dell’offerta della piccola editoria ai cittadini italiani.  Questa situazione non può che riflettersi sui dati che verranno presentati da Istat, su chi e quanti, e in quali fasce di età frequentano le biblioteche di pubblica lettura e come sono cambiati tra 1995 e 2015. Di questo si parlerà nell’incontro “Investire sì, ma in biblioteche”, in programma il 9 dicembre alle 10.30 nella Aldus Room al Roma Convention Center La Nuvola. Ne discuteranno Paolo Fallai (Biblioteche di Roma), Rosa Maiello (Presidente AIB) e Miria Savioli (Istat), introdotti da Enrico Iacometti (Armando Editore, Consiglio Piccoli editori AIE).

La situazione delle biblioteche però è molto disomogea. A situazioni di eccellenza (si spendono 5 euro ad abitante nella provincia di Bolzano) si affiancano situazioni di ritardo e di scarsità di risorse (si spendono 0,10 centesimi in Puglia). Certo in questi anni c’è stato uno sforzo nel rinnovamento delle biblioteche, nella loro innovazione. Ma l’innovazione è sempre e solo una innovazione di servizi, architettonica, o può spingersi anche oltre? Le biblioteche possono vendere libri, direttamente o attraverso le librerie, quando non ci sono librerie nei loro comuni? Questo sarà il tema dell’incontro successivo, Biblioteche innovative. “Perché non vendere quando non ci sono librerie?”, in programma il 9 dicembre alle 11.30 nell’Aldus Room. Ne discuteranno Antonella Agnoli (Consulente bibliotecaria), Enrico Iacometti (Armando Editore, Consiglio Piccoli editori AIE), Rosa Maiello (Presidente AIB), Domenico Canzoniero e Paolo Pelliccia (Biblioteca Consorziale di Viterbo).

Un tema non troppo distante dalle biblioteche, se si considera il fenomeno del prestito digitale, viene preso in esame nell’incontro “Dagli ebook agli audiolibri. Cosa ci hanno insegnato questi cinque anni”, in programma alle 12.30 nella Aldus Room per comprendere come si muove il mercato di questi settori e cosa è cambiato all’interno dell’organizzazione delle case editrici. Ne parleranno Cristina Mussinelli (AIE), Gregorio Pellegrino (Effatà, Consiglio Gruppo Piccoli editori) e Sergio Polimene (Emons).

Spazio inoltre alle professioni editoriali per illustrarne le linee guida e capire come proporsi con successo a una casa editrice e quali passi è più opportuno fare. Se ne parlerà nell’incontro “A cosa serve l’editore. Linee guida per essere autori”, in programma domenica 10 dicembre alle 11,30 nell’Aldus Room alla presenza di Francesco Brioschi (Francesco Brioschi editore) e Diego Guida (Guida Editori, Presidente Piccoli editori AIE).

Capire in cosa consiste il lavoro dell’editore, quali sono le sue sfide e qual è il bilancio del trasferimento alla Nuvola sarà possibile nell’appuntamento “Facciamo il punto sul nostro futuro. Un percorso da cominciare insieme”, in programma domenica 10 dicembre alle 12.30 sempre nell’Aldus Room. L’incontro, tra dialogo e intervista, è con il presidente dei Piccoli editori dell’AIE Diego Guida, intervistato da Giorgio Zanchini (Radio1), sulle sfide che attendono uno dei settori più vitali del nostro tessuto imprenditoriale.

 

 

 

 

Share

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sabato, 16 Dicembre 2017 23:18:21

 

Anatomia-slogan265

vai

 

editoria-digitale
vai →

 

 

aEa

vai

free-ebook

vai 

 

 

I blog di LO

Esegui Login o registrati




 


siamo qui grazie a :
AGISLAB-MI 
 


MarinaMayer sett2012

Il Blog di Marina Mayer
vai → 

La Profezia della Stella  

 

 


Pensieri che condividiamo
Wilde-pensieri 
 Non esistono libri morali o immorali. 
I libri sono scritti bene o scritti male. 
Questo è tutto.
Altri...    —leggi 

 


Save the Children
save-the-children 
 Sempre
→ se vuoi →
cosa possono fare i tuoi
80 centesimi al giorno
 

 




FacebookTwitterLinkedIn