In ottemperanza alla direttiva UE sulla riservatezza, ti informo che questo sito usa i cookie per gestire autenticazione e navigazione e per altre funzioni di sistema. Cliccando su Acconsento accetti la registrazione di questi cookie nel tuo computer. Se non accetti, alcune funzioni del sito saranno inibite - A cosa servono i cookies? Clicca per scoprirlo

Hai deciso di non utilizzare i cookies. Questa decisione puo' essere cambiata

Hai accettato di salvare i cookie sul tuo pc. Questa decisione puo' essere revocata

Blog su Anatomia di un @more

fpm-ok



È finalmente edito Anatomia di un @more, il nuovo romanzo di Flaminia P. Mancinelli.
Abbiamo scelto di presentarvelo senza effetti speciali o altisonanti retoriche.
Tutto ciò che abbiamo da dirvi sul lavoro di Flaminia lo trovate in questa pagina.
Con semplicità e immediatezza, come siamo abituati a fare.








HAI LETTO IL ROMANZO E VUOI INSERIRE LA TUA OPINIONE? PARTECIPA AL BLOG!

Effettua il login o registrati

Esegui Login o registrati




Clicca qui → INVIARE UN TUO ARTICOLO, RECENSIONE
potrai così scrivere la tua opinione e dialogare con l'autore.


  torna alla pagina precedente




su Anatomia di un Amore

Questa è una storia delicatissima e complessa. Le tematiche affrontate sono importanti, si parla di sessualità e di rapporti. Per la prima volta leggo un racconto sull'accettazione dell'omosessualità senza che vi sia piaggeria o autoreferenzialità. In realtà i vari personaggi si incontrano in un luogo virtuale (una sorta di chat room), e lì hanno modo di raccontarsi, di esprimersi liberamente, quali che siano le loro identità sessuali. Come avviene per tutti noi.Il web li protegge. Poi qualcuno decide di uscire allo scoperto, nella vita reale, e lì cominciano i problemi. La trovata geniale dell'autrice, secondo me, sta nello schema narrativo che ha scelto: una storia corale raccontata attraverso i messaggi che tutti i protagonisti si scambiano in una mailing collettiva e una storia individuale, quella dei due protagonisti principali, che viene raccontata in spazi soggettivi diversi, a seconda di chi sta parlando/pensando/agendo.
Il linguaggio e le atmosfere mi ricordano un po' i migliori film di Ozpetek e ho amato tantissimo Franco, davvero tanto. Leggete il romanzo e capirete perché.
Cetta De Luca

→su Goodreads

Parliamo di "Anatomia di un Amore"

In una giornata di gennaio, fredda e asettica come solo può presentarsi un periodo post festività, una mail di un certo D. Moscati, irrompe  in “Pianeta queer” con una domanda che ottiene l’effetto di incuriosire un gruppo di persone, tutte alla ricerca del loro significato di queer.
 

Anatomia... primi passi

O.K., Anatomia di un @more è uscito da qualche settimana e da circa un mese abbiamo iniziato a parlarne e a ricevere le prime reazioni... Belle e sconvolgenti!

Io ne sono felice, ma...

Ma sempre più mi interrogo. Mi guardo intorno, guardo alla situazione sociale e politica, della quale la cultura è espressione, e mi chiedo come mai un semplice libro generi tanti entusiasmi. Sì, certo, è scritto in un buon italiano, affronta tematiche inusuali e mette spesso il dito nella piaga, ma... Ma poi?
Forse chi scrive e chi ha scritto un libro come Anatomia (cioé io!) dovrebbe spingersi oltre, spremere se stessa e scrivere ancora, raccontare il disagio diffuso, quello che è tra i personaggi di Anatomia e che fa da corollario alla'Amore.
Non so, mi sto solo interrogando.
Un saluto, Flaminia


(21 novembre 2013)

Ora mi diverto, parola di Flami

Ok... visto che questo è il Blog di Anatomia di un @more e questo romanzo l'ho scritto io, per legge di contrappasso quindi... è anche un po' mio, e mi divertirò ogni tanto a scriverci qualcosa...

Ad esempio, sembra passato un secolo da quando ho iniziato a scriverlo... all'incirca (minuto più minuto meno) 15 anni fa, in quel della lontana Milano. Stralci di paragrafi scritti su una Moleskine, o su un computer... Poi salvati su un floppy disk. E per fortuna perchè quel laptop poi si ritrovò con il disco in crash, e nonostante l'intervento del mio amico Giancarlo Dozzo...
Poi un trasloco... -da Milano a Milano- poi un altro trasloco -da Milano a Roma- e poi un altro -da Roma a Anzio- e persino un altro - da Anzio a Lucca- e...  E Anatomia di un @more assomigliava sempre più alla tela di Penelope... anzi, ancora peggio! Difatti non solo interrompevo di scriverlo, ma persino ne modificavo il Plot. 
La mia vita camminava, si modificava, si complicava... e io procedevo portandomi appresso il romanzo. In mezzo, tanto per ridere, ho pure assunto diversi eteronimi, per scrivere altro: un romanzo esoterico, un lungo racconto insieme all'amico Fabio Baldassarri e decine di racconti, le basi per un thriller e un romanzo sulla "madre".
E sopra ogni cosa continuava la mia storia con Marinella...
Anzi, è stata proprio la presenza si Marinella accanto a me a spingermi a finire questo romanzo.
Se vi piacerà ringraziate lei, che come un TIR mi si è messa alle spalle e...

Alla prossima,
Flaminia

 

OK sono curioso

... con quel video che avete pubblicato, mi avete incuriosito.
Ora lo compro poi con calma lo leggo e poi vi dico che effetto mi fa

ciao

andrea

 

Lunedi, 23 Ottobre 2017 11:58:13

 

Anatomia-slogan265

vai

 

editoria-digitale
vai →

 

 

aEa

vai

free-ebook

vai 

 

 

I blog di LO

Esegui Login o registrati




 


siamo qui grazie a :
AGISLAB-MI 
 


MarinaMayer sett2012

Il Blog di Marina Mayer
vai → 

La Profezia della Stella  

 

 


Pensieri che condividiamo
Wilde-pensieri 
 Non esistono libri morali o immorali. 
I libri sono scritti bene o scritti male. 
Questo è tutto.
Altri...    —leggi 

 


Save the Children
save-the-children 
 Sempre
→ se vuoi →
cosa possono fare i tuoi
80 centesimi al giorno