Leggere, secondo Gabriella Greison

  • Stampa

 

gabriella-greison-in-due-do
Fisica, scrittrice e giornalista, se un libro non la soddisfa applica la lettura veloce. Utilizza gli e-book sono quando viaggia.






 

D. Quando vuoi rilassarti preferisci: guardare la televisione, andare al cinema o leggere un libro?
R. Nell'ordine: leggere un libro, andare a teatro, al cinema, e guardare la televisione. Ma al primo posto c'è: scrivere un libro.


D. Dove leggi abitualmente: in poltrona, a letto, alla scrivania? Se potessi scegliere, quale sarebbe il tuo luogo ideale per la lettura?
R. Sul divano, passerei tutta la vita sul divano a leggere libri.


D. Nel suo famoso Decalogo, al terzo posto, Daniel Pennac sancisce il diritto del lettore a “non finire il libro”: tu hai seguito questo consiglio? Se sì, con quale libro e perché?
R. I libri di Pennac.


D. Qual è il libro -o i libri- che più hai amato? E quello o quelli che si sono rivelati una delusione?
R. Ho amato tutti i libri di Mark Haddon e Dave Eggers e continuo ad amarli. La delusione nei libri che leggo non mi capita spesso: la riconosco quando inizio a sfogliare le pagine che mancano per la fine di un capitolo, e a quel punto applico la lettura veloce.


D. Cosa cerchi in un libro? Cosa attira di più la tua attenzione: la copertina, il titolo, l’autore, la bandella con la storia?
R. L'incipit mi fa decidere se leggere o no quel libro. La prima selezione è fatta sull'autore e l'argomento della storia. In un libro cerco miglioramenti per la mia scrittura, se un libro non migliora la mia scrittura non lo leggo. 


D. Quale argomento ti appassiona e, secondo te, viene poco considerato dagli editori italiani?
R. I racconti. E anche i copioni degli spettacoli teatrali.  


D. E per finire cosa pensi degli e-book? Secondo te, quali sono i loro pregi e i loro difetti?
R. Leggo ebook quando sono in viaggio e non posso portare volumi e volumi di libri cartacei con me.




Chi è Gabriella Greison
Fisica, scrittrice e giornalista. In libreria con 'L'incredibile cena dei fisici quantistici' (Salani editore), e con 'Sei donne che hanno cambiato il mondo' (Bollati Boringhieri editore). Dal 18 marzo 2018 uscirà 'Hotel Copenaghen' (Salani editore). A teatro con il monologo 'Due donne ai Raggi X' e con '1927 Monologo Quantistico'. Dal 20 al 28 marzo 2018 cura il Primo Festival dedicato interamente alla Fisica, che si svolgerà al Teatro Menotti di Milano.

 

 

Share

In ottemperanza alla direttiva UE sulla riservatezza, ti informo che questo sito usa i cookie per gestire autenticazione e navigazione e per altre funzioni di sistema. Cliccando su Acconsento accetti la registrazione di questi cookie nel tuo computer. Se non accetti, alcune funzioni del sito saranno inibite Per saperne di più